25.03.2020 – ore 15,25: L’assessore regionale Francesco Cupparo è stato ascoltato nel corso di una seduta congiunta delle Commissioni Prima e Quinta, presiedute rispettivamente da Giuliano Velluzzi e Matteo Restaino. Provvedimenti regionali assunti e che si intendono assumere in favore delle Piccole e medie imprese, come ci si stia muovendo rispetto alle politiche del lavoro, sia per chi opera a livello locale, sia per quanti si muovono su mercati nazionali ed esteri, al tempo dell’emergenza Covid-19, che ha comportato tra l’altro un calo del prezzo di petrolio e gas: questi i temi sul tavolo. Nel corso del dibattito è emerso come la Regione che aveva messo a disposizione 28 milioni per il sostegno delle Pmi e delle professioni, il fondo dei micro prestiti e i voucher per i servizi di internazionalizzazione, si sia concentrata ultimamente sull’agevolazione dello smart working e la concessione di prestiti a tasso zero. “Le ripercussioni sul bilancio dovute al calo del settore petrolifero ci saranno, – ha spiegato Cupparo – ancor più ci saranno delle ripercussioni importanti nel settore dell’automotive. Riguardo ai provvedimenti adottati illustrate brevemente alcune delibere:
la prima riguarda provvedimenti urgenti a sostegno alle imprese e ai lavoratori proprio per l’emergenza del covid-19, che prevede per esempio il differimento dei termini per investimenti cofinanziati da strumenti di incentivazione regionale e sospensione dei pagamenti delle rate dei finanziamenti previsti da Sviluppo Basilicata per 6 mesi;
la seconda riguarda il fondo dei piccoli prestiti per il sostegno e rafforzamento delle micro imprese lucane, con una dotazione di 9 milioni di euro e coprirà le spese per gli investimenti materiali e immateriali e fornirà alle imprese il necessario capitale circolante per realizzare i suddetti obiettivi; per questo finanziamento possono presentare domanda tutte le micro imprese che operano in tutti i servizi produttivi, dall’industria al turismo, al commercio, ai servizi all’artigianato, socio-sanitari compresi i lavoratori autonomi e i liberi professionisti.
la terza, sempre inerente al sostegno alle imprese e ai lavoratori connessi all’emergenza del covid-19, prevede l’avviso pubblico “Incentivi per l’adozione dei piani aziendali dello smart working” e qui la dotazione di 3 milioni, attraverso il quale possono accedere alle agevolazioni le imprese attive alla data del provvedimento operati in tutti i settori produttivi che abbiano almeno un dipendente assunto. L’importo è stato suddiviso in 2 milioni per le Pmi e un milione per le grandi imprese;
la quarta è un’adesione della Regione Basilicata all’accordo del credito 2019, sottoscritto in data 15 novembre 2019 dall’ Abi e dalle piccole associazioni imprenditoriali;
la quinta riguarda la destinazione di un bonus alle imprese per l’assunzione di giovani diplomati e laureati.
“Per le imprese che possono fare ricorso alla cassa integrazione il beneficio concesso può essere sospeso nella fase di intervento della cassa integrazione, al momento della durata di 9 settimane, la fase di sospensione termina nel momento in cui finisce la cassa integrazione; le imprese però che non rientrano o che non vogliono fare ricorso agli ammortizzatori sociali potranno richiedere anticipatamente la liquidazione dell’incentivo”. L’assessore regionale ha concluso citando “una determina che riguarda la legge 12 sulla produzione e sviluppo delle cooperazioni e la dotazione di questo fondo è di 3,8 milioni di euro. Nel corso del lungo e approfondito dibattito al quale hanno preso parte tutti i membri delle due Commissioni, i commissari hanno formulato una serie di suggerimenti e di sollecitazioni per proporre risposte che aiutino a fronteggiare i mancati guadagni di questi giorni, proposte che sono state acquisite dall’assessore e che saranno oggetto di approfondimento e di ulteriori confronti. L’assessore ha inoltre fatto cenno alle iniziative in cantiere da parte della Giunta Regionale, tra le altre un avviso pubblico per il sostegno alle attività imprenditoriali di interesse socio-assistenziale con uno stanziamento di circa 10 milioni, e un avviso pubblico sui voucher per l’internazionalizzazione delle imprese lucane, con uno stanziamento di circa 2,4 milioni.

I presidenti Velluzzi e Restaino, di concerto con i commissari, hanno concordato un programma per i prossimi lavori delle due Commissioni, “per continuare a conoscere approfonditamente il contesto che si va delineando a seguito della vicenda emergenziale che stiamo vivendo, e definire insieme percorsi che possano concretamente essere di sostegno alla nostra comunità”.

Share This