Parco fluviale del Basento

.

Luoghi

Clicca qui per tornare al menu Luoghi

Il parco si snoda lungo le rive del fiume Basento, nella parte che taglia in due l’ex zona industriale di Potenza. Negli anni novanta è stato realizzato un primo camminamento, poi riqualificato e ampliato con un intervento realizzato nell’ambito dei progetti POR Basilicata 2007 – 2013. In tale occasione è stato realizzato anche un ponte pedonale in legno che collega il camminamento con via della fisica.

Il percorso comincia dalla parte sud della città, nei pressi del fiume Basento, terzo fiume più lungo dell’Italia meridionale.
E’ qui che si trova, circondato da capannoni commerciali e da una fitta vegetazione, il più noto Ponte romano della Basilicata: costruito tra il 280 ed il 300 d.C. per la volontà dell’Imperatore Diocleziano e del co-Imperatore Massimiano di creare un collegamento (la via Erculea) tra i tre più importanti centri della Lucania Romana. Stiamo parlando di Venusia (Venosa), Grumentum (Grumento) e Potentia (Potenza).
Ancora intatto, il ponte Romano, lungo 35 metri, si articola in tre arcate che fanno da cornice al Basento.
Circa un chilometro più avanti, in direzione della Stazione ferroviaria di Potenza centrale, si scorge la futuristica sagoma di un altro ponte, il Musmeci, una straordinaria opera in cemento armato, progettata e realizzata da Sergio Musmeci, famosa in tutto il mondo. Candidata a Patrimonio Unesco, è la prima opera di architettura contemporanea in Italia ad essere stata riconosciuta Bene Culturale.
Il percorso del Basento prosegue in vista del passaggio ferroviario del Gallitello, in prossimità del cosiddetto Nodo complesso. Qui, durante i lavori stradali, è stata rinvenuta nel 2008 una fattoria di epoca pre-romana datata IV secolo a.C.. Si tratta, secondo il Sovrintendente ai Beni Archeologici, di un ritrovamento di importanza straordinaria, che costringe gli storici ad una revisione su molte ipotesi circa l’antico popolo dei Lucani, e circa la stessa nascita di Potenza. La fattoria, di circa 300 mq, non è ancora fruibile al pubblico, ma lo sarà non appena finiranno i lavori per inglobarla nel Parco fluviale del Basento.