Palazzo Loffredo

.

Torna indietro

Clicca qui per tornare alla pagina precedente

Indirizzo: Via Andrea Serrao, – 85100 Potenza

Telefono: 0971/21719

Sito web: www.archeobasi.it

E-mail: archeopz@arti.beniculturali.it

Orari di apertura al pubblico: lunedì, 14.00-20.00; martedì-domenica, 9.00-20.00

Giorni di chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre

Biglietto di ingresso museo: intero € 2,50; ridotto € 1,25; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali

 

Palazzo Loffredo è un palazzo storico di Potenza, situato nel centro storico, si affaccia su Piazza Duomo, Largo Pignatari e Via Andrea Serrao. L’edificio aveva come prima funzione quella di ospitare gli uffici della sede amministrativa della contea ed è fra gli esempi più rilevanti dell’edilizia civile potentina. Dopo aver ospitato l’Ufficio dell’Intendenza e il Real Collegio nel XIX secolo e il Conservatorio di Potenza “Gesualdo da Venosa”, l’Istituto Tecnico-Commerciale “Leonardo Da Vinci” e il Convitto Nazionale “Salvator Rosa” nel corso del XX secolo, dal 2005 è la sede del Museo Archeologico Nazionale della Basilicata.

Il palazzo comitale fu costruito da Iñigo De Guevara, a cui era stata assegnata da Re Alfonso V D’Aragona la contea di Potenza con le terre di Vignola, Anzi, Vietri e Rivisco. Il Palazzo sorge su uno stabilimento nato come monastero della Congregazione dei celestini, nella prima metà del XIV secolo.
La città passò nel 1596 ai conti di Lannoy, che si trovarono a fronteggiare un terremoto che danneggiò gravemente la Cattedrale e il palazzo comitale: quello del 1694 prima e quello del 1698 poi.

Agli inizi dell’800, con l’elevazione di Potenza a Capoluogo di Provincia, sorse il problema dell’ubicazione dell’ufficio dell’Intendenza, simbolo della nuova identità della città. Diversi furono gli edifici candidati ad accogliere tale prestigioso ufficio, fra cui il convento francescano; tuttavia, nel 1813, il regime murattiano dispose la temporanea ubicazione dell’Intendenza a Palazzo Loffredo. Nel 1822 Palazzo Loffredo si rese inoltre disponibile ad ospitare il Real Collegio di Basilicata, grazie alla sua posizione ottimale (di fronte al Vescovado) e la necessaria rappresentatività. Gli ingegneri Scodes e Massari lavorarono al progetto di adattamento dell’edificio, eseguito entro il 1830.
Le vicende del ’48 interessarono tutto il Regno e a Potenza un focolaio di rivoluzione si ebbe proprio all’interno del corpo docente del Collegio. A seguito di tali eventi, nel 1850, la direzione della scuola venne affidata ai Padri Gesuiti, che giunsero nel capoluogo e Ritenendo Palazzo Loffredo inadatto, decisero di costruire un nuovo edificio, ma i lavori non andarono avanti.
Nel 1862, il Real Collegio, dopo aver ospitato nel ’61 un reparto dell’esercito giunto in città per la lotta al brigantaggio, verrà convertito in Liceo.
Nel corso del Novecento il palazzo ha ospitato fra i suoi locali il Conservatorio di Potenza “Gesualdo da Venosa”, l’Istituto Tecnico-Commerciale “Leonardo Da Vinci” e il Convitto Nazionale “Salvator Rosa”. Dal 2005 ospita il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adameșteanu”, figura di studioso di assoluto rilievo internazionale oltre che “fondatore” dell’archeologia lucana.
Lo stabilimento conserva la struttura monasteriale del chiostro centrale, attualmente esistente. Nell’attuale corpo del palazzo vennero inglobate le fondamenta del monastero, che costituirono materiale di spoglio per la costruzione del nuovo Palazzo Guevara, secondo l’abitudine di non demolire completamente edifici sacri ed includerli nei nuovi progetti di costruzione, sia per conservare la sacralità dell’edificio sacro, sia per conservarne la memoria nella mentalità collettiva.

Nei primi due secoli del dominio borbonico il palazzo comitale aveva una forma quasi cubica e priva della corte antistante. Il palazzo si ergeva su tre livelli: un primo, seminterrato, con accesso carrabile a valle; un piano nobile caratterizzato, nel prospetto da una loggia cinquecentesca a cinque archi a pieno sesto; un ultimo livello privo di aperture sul fronte principale, coperto da un tetto a spioventi. Dopo il Concilio di Trento l’edilizia religiosa ebbe uno sviluppo più notevole rispetto a quella nobiliare, soprattutto per disponibilità economica dei conti. Imponente tuttavia risultava il Palazzo Comitale, che occupava una vasta area di fronte all’episcopato e alla Cattedrale. Era dotato di un ampio cortile con le scuderie e di una cappella privata. Sul volgere del ‘500, prospiciente il palazzo sorse la Cavallerizza dei Conti: la fabbrica, dotata di un’ampia corte, presenta ancor oggi un fronte definito da un robusto portale bugnato, che si apre su Largo Pignatari, sorto nello stesso periodo. Nel 1709 vennero accorpate nel complesso alcune case costruiti su terreni attigui di proprietà del monastero di San Francesco e nel 1722 il palazzo e le sue pertinenze occupavano un’area che si estendeva a sud fino all’attuale via Pretoria.

Il restauro dell’edificio compiuto nel Settecento dai conti Loffredo, diede all’edificio il suo aspetto attuale. La novità più rilevante fu la costruzione della gradinata monumentale che conduce all’attuale ingresso, sormontata da una loggia d’ingresso dove sono ubicate le due porte con fastosi portali in stile catalano-durazzesco e dello stesso stile sono i numerosi archi, che adornano con i loro stipiti e archi a tutto sesto, le sovrastanti finestre che donano completezza e bellezza architettonica a tutto il prospetto d’ingresso del palazzo stesso.

 

 

 

Address: Via Andrea Serrao, -85100 Potenza

Telephone: 0971/21719

Website: www.archeobasi.it

E-mail: archeopz@arti.beniculturali.it

Opening hours to the public: Monday, 14:00-20:00; Tuesday-Sunday, 9:00-20:00

Closing days: January 1st, May 1st, December 25th

Ticket: full € 2.50; reduced € 1.25; free on first Sunday of the month; concessions according to the provisions in force in state museums

 

Palazzo Loffredo is a historic building in Potenza, located in the historic center, overlooking Piazza Duomo, Largo Pignatari and Via Andrea Serrao.

It had the primary function of hosting the offices of the county administrative headquarters, and it’s among the most relevant example of the civil construction of the province of Potenza.

At the beginning of the 19th century, with the elevation of Potenza to the provincial capital, the problem of the location of the Intendenza office arose, a symbol of the new identity of the city. Several buildings were candidated to host this prestigious office, including the Franciscan convent; however, in 1813, the Murattian regime ordered the temporary location of the Intendenza at Palazzo Loffredo.

During the twentieth century, the building hosted the Conservatory “Gesualdo da Venosa”, the technical-commercial institute “Leonardo da Vinci” and the school “Salvator Rosa”. Since 2005, it’s housing the National Archaeological Museum of Basilicata “Dinu Adamesteanu”, a figure of absolute international importance as well as the “founder” of Lucan archeology.

The plant preserves the monastery structure of the central coister, which currently exists. The foundations of the monastery were incorporated in the current body of the palace, which constituted material for the construction of the new Palazzo Guevara. In the first two centuries of the Bourboun age, the palace had an almost cubic shape and had no front courtyard. The building stood on three levels: a first, basement, with driveway access to the valley; a noble floor characterized in facade by a sixteenth-century loggia with five full-arched arches; a last level without opening on the main front, covered by a pitched roof. After the Council of Trent, religious constructions had a more remarkable development than the aristocratic ones, due above all to financial availability of the accounts. However, the palace was imposing, occupying a large area in front of the episcopate and the Cathedral. It had a large courtyard with stables and a private chapel. At the turn of the 16th century, the Cavallerizza dei Conti was built in front of the building: the factory, equipped with a large courtyard, still has a front defined by a robust rusticated portal, which opens onto Largo Pignatari, built in the same period.

The restoration of the building, made in the eighteenth century by the Loffredo Counts, gave the building its current appearance. The most noteworthy novelty was the construction of the monumental staircase, leading to the current entrance, topped by an entrance loggia where the two doors with sumptuous Catalan-Durazzo portals are located; of the same style are the numerous arches, which adorn the overlying windows, giving completeness and architectural beauty to the entire entrance prospect of the building itself.

 

Testo e foto a cura dei volontari del progetto di Servizio Civile “………… c’è TURISMO e CULTURA a POTENZA”

 

 

FONTI:

 

wikipedia.org
epotenza.it
archeobasilicata.beniculturali.it