14.03.19 – ore 15,50: Approvato dall’Amministrazione il Protocollo tra il Ministero della Giustizia – Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità, Centro Giustizia Minorile – Puglia e Basilicata e il Comune di Potenza, Servizio delle “Politiche Giovanili – Pari Opportunità – II. PP.PP.” e “Protezione Civile”. Oggetto dell’intesa la Collaborazione integrata per quanto attiene alla tutela dei minori sottoposti a provvedimenti giudiziari in ambito penale e integrazione con i temi delle Politiche giovanili. Nel documento è evidenziato come il Comune di Potenza promuova lo sviluppo sociale, civile, favorisca i temi delle politiche giovanili, oltre quello economico e dell’imprenditoria giovanile, culturale e territoriale della comunità presente sul territorio comunale, tuteli le proprie risorse ambientali, storiche, artistico, antropologiche e identitarie. Ha spiegato il responsabile dell’accordo funzionario del comune Giuseppe Brindisi che “si intende avviare un programma di collaborazione integrata nell’ambito della tutela dei minori sottoposti a provvedimenti giudiziari in ambito penale, impegnandoci ad avviare rapporti di collaborazione finalizzati a promuovere azioni di tutela dei soggetti in età evolutiva, inserendoli in progetti di inserimento sociale e di formazione che prevedano percorsi socio-educativi- riabilitativi, aventi il fine di facilitarne il reinserimento sociale, e consentendo a minori e giovani adulti sottoposti a procedimento penale e in carico ai Servizi Minorili lucani, in un’ottica di promozione della giustizia riparativa e della cittadinanza attiva, di svolgere attività di pubblica utilità, a titolo di volontariato, presso gli uffici delle Amministrazioni interessate”. E’ stato spiegato inoltre come i ragazzi potrebbero essere coinvolti, in attività inerenti ai diversi settori in cui opera il Comune di Potenza e l’Ufficio Politiche giovanili, e l’Unità operativa Protezione Civile, sia nei progetti di seguito già individuati, sia in attività eventuali che si presenteranno, offrendo loro la possibilità di fornire un contributo, finalizzando il percorso alla formazione per favorire l’autonomia per il reintegro sociale. Tra le altre attività previsti progetti di promozione delle politiche giovanili, di ausilio per l’organizzazione di manifestazioni pubbliche, di formazione della Protezione civile, di supporto nelle attività di uffici comunali e di biblioteca, mirati all’impegno dei ragazzi nella manutenzione di beni del Comune e del patrimonio pubblico, compresi giardini e ville.

Share This